La minaccia (via Inps) alla previdenza complementare

La minaccia (via Inps) alla previdenza complementare
image_pdfimage_print

(di Giuliano Cazzola)
Povera previdenza complementare! Nel corso della XVI Legislatura è stata dimenticata tanto dai governi quanto dall’opposizione. Un piccolo accenno, interessante ma estremamente astratto e problematico, era contenuto nella riforma Fornero (articolo 24 del decreto Salva Italia), dove, al comma 28, veniva prevista la costituzione di una Commissione di esperti incaricata di proporre, entro il 2012, possibili ulteriori forme di gradualità nell’accesso al trattamento pensionistico con il metodo contributivo. L’ultimo periodo del comma stabiliva che, entro il termine suddetto, sarebbero state analizzate ‘’eventuali forme di decontribuzione parziale dell’aliquota contributiva obbligatoria verso schemi previdenziali integrativi in particolare a favore delle giovani generazioni’’ continua

Continua la lettura su miowelfare.it

Sull' autore

In collaborazione con Miowelfare.it
In collaborazione con Miowelfare.it 40 posts

In collaborazione con http://miowalfare.it La tua porta di accesso all’insieme di prestazioni, servizi e opportunità assicurati e offerti dal sistema italiano di welfare, sia quello di base che quello integrativo: contrattuale, aziendale, individuale.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Serve una nuova strategia per gli esodati

Il dramma della Grecia pare sempre più prossimo ad uno scontato epilogo e soltanto un appoggio politico economico della Russia sembrerebbe poter evitare la scientifica e definitiva rovina del popolo

Le pensioni sono minate dal Pil

di Giuliano Cazzola La recessione ha riproposto il tema della previdenza sotto diversi aspetti. Innanzi tutto, quello (sempre immanente nella realtà italiana ed europea) della sostenibilità dei sistemi pensionistici nell’ambito

Lo smart working fa bene all’impresa e all’economia

Anche in Italia si parla con sempre maggiore frequenza di welfare aziendale. Negli Stati Uniti, dove il welfare state (stato sociale) è molto limitato, il vuoto è tradizionalmente colmato dalle

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento