Posso applicare la detassazione sui premi di produttività che devo erogare nella prossima busta paga?

Posso applicare la detassazione sui premi di produttività che devo erogare nella prossima busta paga?
image_pdfimage_print

 
La detassazione 2016, per essere applicata, abbisogna di un decreto interministeriale (MLPS-MEF) al fine di stabilire i criteri di misurazione degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ci sono limitazioni per il distacco di un apprendista?  Nel caso sia possibile la 'motivazione' deve avere caratteristiche particolari?

Le risposte ai 2 quesiti: L’apprendista, di massima, può essere distaccato presso altra azienda a queste condizioni, che si possono verificare in alternativa: Sia un periodo limitato di tempo (uno/due

Dopo la pubblicazione della circolare 28/2016 possiamo procedere alla detassazione dei premi di risultato? Possiamo convertire il pdr in welfare aziendale anche se non previsto nel contratto aziendale?

È possibile detassare i premi di risultato o gli utili corrisposti ai lavoratori, nel limite dei 2.000 euro lordi e sempreché non abbiano superato, nel 2015, il reddito di 50.000

Come avviene il calcolo delle 400 giornate nel Contratto intermittente?

La circolare del Ministero del Lavoro n. 35/2013 evidenzia che “il ricorso a prestazioni di lavoro intermittente è ammesso, per ciascun lavoratore con il medesimo datore di lavoro, per un

4 Commenti

  1. Teresa
    febbraio 05, 16:43 Reply

    Corretto è ore settimanali/ 40 per cento…. cosi ti calcoli la percentuale part time

  2. maria elisena gatto
    febbraio 05, 12:07 Reply

    in realtà io opero diversamente.
    oK su 22 ore settimanali per 52 settimane diviso 12 mesi =orario mensile part time, Quindi 95,33 ore
    Ma la percentuale part time del dipendente la calcolo dividendo l’orario mensile che ho ottenuto diviso l’orario mensile contrattuale.
    quindi 95,33 / 173 95.33/170 95,33/168

  3. maria elisena gatto
    febbraio 01, 09:39 Reply

    buongiorno. Dipendente part time a 30 ore settimanali. settore commercio (168 ore mensili)
    Al dipendente part time è stata calcolata la seguente percentuale pt : 30 ore settimanali per 52 settimane diviso dodici mesi = 130 ore mensili. 130 ore mensili diviso il coefficiente mensile a tempo pieno 168 = part time al 77,38%. Il cliente contesta perchè vorrebbe un part time ridotto ( 30 ore settimanali diviso le 40 mensili a tempo pieno : part time al 75%) . Sembra incredibile ma non trovo le disposizioni a sostengno della mia tesi……

    • Teresa
      febbraio 04, 20:42 Reply

      Io quando predispongo i part time procedo come segue: esempio 22 ore settimanali accordate, 22 per 52 ottengo le ore annuali e diviso 12 ottengo le mensili. Poi 22 / 40 ottieni la percentuale part time. Saluti

Lascia un commento