RIPRENDE LA TRATTATIVA PER IL CONTRATTO SETTORE ALIMENTARE, REVOCATO SCIOPERO

image_pdfimage_print

CCNLRiparte la trattativa per il rinnovo del contratto dell’industria alimentare e i sindacati revocano lo sciopero del 29 gennaio prossimo. Lo annunciano i sindacati dopo aver ricevuto la convocazione della ripresa del confronto per il 2 febbraio prossimo. “Le iniziative messe in campo con il blocco degli straordinari e della flessibilità e la straordinaria riuscita delle quattro ore di sciopero hanno colto un primo importante risultato, cioè la riapertura del tavolo negoziale per il rinnovo del contratto”, commenta soddisfatta Stefania Crogi, segretario generale Flai Cgil per la quale partirà ora “la fase più difficile”. Quella cioè, aggiunge, “di ottenere risposte soddisfacenti rispetto ai contenuti della piattaforma presentata, in particolare in merito a salario, diritti e tutele per tutti i lavoratori e il principio dell’inclusività per chi presta a vario titolo attività lavorativa in un medesimo sito produttivo”.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

FEDERTURISMO, ELETTI RAPPRESENTANTI CONSIGLIO GENERALE

L’assemblea di Federturismo Confindustria, riunitasi a Roma, ha eletto i 15 componenti elettivi del consiglio generale per il periodo 2016-2019: Eduardo Bosch, Francesco Brunetti e Gianluca Scavo di Assolombarda; Giancarlo

DATACOL SELEZIONA VENDITORI IN TUTTA ITALIA

Datacol srl è un’azienda italiana, attiva da oltre 20 anni sul mercato, per dare, attraverso i propri prodotti e servizi, piena soddisfazione alle esigenze dei Professionisti operanti nei Settori dell’Artigianato

OCCUPATO 62% LAUREATI

Nel 2014, appena il 62% dei laureati tra 25 e 34 anni era occupato in Italia, il 5% in meno rispetto al tasso di impiego del 2010: un livello paragonabile

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento