CALDERONE (CUP): LA COLLETTIVITÀ HA BISOGNO DI OPERATORI SPECIALIZZATI

image_pdfimage_print

Calderone“Oggi la collettività e i cittadini hanno bisogno di professionisti formati e sicuramente anche specializzati per affrontare quelle che sono le sfide del mondo del lavoro e in generale della nostra società. Sulla base di questo assunto, credo che sia importante anche fare un primo bilancio a due anni dall’introduzione di quelli che sono i nuovi sistemi a seguito dell’approvazione della riforma delle professioni e quindi poi della conseguente approvazione di tutti i nostri regolamenti per la formazione continua obbligatoria, cercando anche di implementare e modificare quei punti dei nostri regolamenti che vanno migliorati per garantire efficienza al sistema e soprattutto per garantire i cittadini”. A dirlo, si legge su ‘Italia Oggi’, la presidente del Cup Marina Calderone, presentando l’incontro sulla formazione continua, previsto a Roma mercoledì 3 febbraio, a cui parteciperanno i rappresentanti dei consulenti del lavoro, dei dottori commercialisti, dei giornalisti, degli avvocati, dei notai e degli ordini dell’area sanitaria, e i sottosegretari allo Sviluppo economico, Simona Vicari, e della Giustizia, Cosimo Ferri.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

BOERI SU PENSIONI

“Ogni Paese deve essere responsabile della sua parte di pensione” perché “se un lavoratore ha impiegato dieci anni di attività in quel Paese è questo che si deve fare carico

OCSE: A DICEMBRE DISOCCUPAZIONE STABILE

Il tasso di disoccupazione nell’area dell’Ocse è rimasto stabile a dicembre 2015 al 6,6%: 1,5 punti percentuali al di sotto del picco di gennaio 2013. Lo rende noto l’organizzazione internazionale

ISTAT: DATI RETRIBUZIONI GIUGNO

L’indice delle retribuzioni contrattuali orarie a giugno aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente e dello 0,7% nei confronti di giugno 2015. Complessivamente, nei primi sei mesi del 2016 la

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento