ASSOLAVORO: 360MILA I LAVORATORI TRAMITE AGENZIE A OTTOBRE 2015

assolavoroA ottobre 2015 i rapporti di lavoro attivi tramite agenzie per il lavoro sono 359.369, in aumento del 17,6% sullo stesso mese dell’anno precedente. È quanto emerge dalle elaborazioni di Assolavoro DataLab, l’Osservatorio dell’Associazione nazionale delle agenzie per il lavoro, su dati Forma.Temp. Cresce anche il numero di rapporti attivi su base mensile nell’arco dei primi dieci mesi del 2015: sono in media 342.361, il 15,4% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Ad aumentare è soprattutto la somministrazione a tempo indeterminato. Nel mese di ottobre i rapporti stabili con le agenzie per il lavoro sono 24.249, con un aumento del 55,2% sullo stesso mese del 2014. Con un’incidenza sul totale dei rapporti pari al 6,7% (5,9% tra gennaio e ottobre), la somministrazione a tempo indeterminato si conferma il fenomeno emergente della staffing industry italiana, una modalità di occupazione in grado di coniugare flessibilità per le imprese e continuità lavorativa per le persone.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

OPERATIVITA’ JOB ACT

Gli operatori, le aziende e i consulenti debbono fare i conti con i primi adempimenti operativi del Job Act senza istruzioni operative. Lo denunciano i consulenti del lavoro, dopo che

SUDELETTRA SENZA JOB ACT

L’accordo per la ricollocazione di 63 lavoratori della Sudelettra, società appaltatrice dell’Eni, che ha perso la commessa per lavorazioni nell’indotto del polo petrolifero della Val d’Agri, ha previsto il superamento

Governo: prospettive di crescita maggiori del previsto, si attesteranno sul 2%

Secondo il Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, le prospettive di crescita dell’Italia saranno molto più positive delle previsioni di crescita economiche, alzando l’asticella rispetto al +1,5% indicato nell’aggiornamento

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento