Ci sono limitazioni per il distacco di un apprendista?  Nel caso sia possibile la 'motivazione' deve avere caratteristiche particolari?

Ci sono limitazioni per il distacco di un apprendista?  Nel caso sia possibile la 'motivazione' deve avere caratteristiche particolari?

Le risposte ai 2 quesiti:

  1. L’apprendista, di massima, può essere distaccato presso altra azienda a queste condizioni, che si possono verificare in alternativa:
    1. Sia un periodo limitato di tempo (uno/due mesi);
    2. Se il periodo è medio/lungo, il distacco avvenga insieme al suo tutor.
  2. La motivazione deve essere legata ad una necessità dell’azienda distaccante. In pratica, la necessità di distaccare il lavoratore è esclusivamente dell’azienda che distacca e non di colei la quale riceve il lavoratore.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ad un artigiano che lavora con noi da anni con un consorzio, vorremmo proporre un contratto a tempo indeterminato. Abbiamo diritto all'esonero contributivo?

Sì, qualora il soggetto non abbia, con il consorzio, un rapporto subordinato a tempo indeterminato, ma abbia una collaborazione autonoma, è possibile l’assunzione con l’esonero contributivo biennale previsto dalla Legge

Se pago un patto di non concorrenza durante il rapporto di lavoro, devo pagare anche i contributi?

Se eroga una somma mensile quale “ patto di non concorrenza ”, la somma viene considerata retribuzione e quindi rientra nella base imponibile contributiva, previdenziale e assicurativa. Viceversa, qualora l’erogazione

Un dirigente della mia azienda si è lamentato della forfettizzazione delle ore di straordinario e quindi del mancato rispetto del massimale di ore straordinarie previste dalla legge e dal ccnl di riferimento. Ha ragione?

Ai dirigenti non si applicano le disposizioni sul lavoro straordinario , previste all’art. 5 del d.l.vo 66/2003; sempre, comunque, nel rispetto dei principi

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento