Un lavoratore che ha un periodo di prova con scadenza 01/02/2016, è assente dalle vacanze di natale per malattia e con elevate probabilità non rientrerà al lavoro prima di quella data. Abbiamo deciso di non prorogare, pensa sia necessario anticipare una lettera in cui spieghiamo che il periodo di prova si prolunga vista l’assenza oppure possiamo gestire la situazione in modo tacito?

Un lavoratore che ha un periodo di prova con scadenza 01/02/2016, è assente dalle vacanze di natale per malattia e con elevate probabilità non rientrerà al lavoro prima di quella data. Abbiamo deciso di non prorogare, pensa sia necessario anticipare una lettera in cui spieghiamo che il periodo di prova si prolunga vista l’assenza oppure possiamo gestire la situazione in modo tacito?
image_pdfimage_print

Di default la malattia intervenuta durante il periodo di prova ne sospende automaticamente il decorso fino alla guarigione. L’azienda non è obbligata a comunicare la sospensione e, al termine della malattia, la nuova scadenza del periodo di prova.
Ciò detto, per motivi di opportunità e chiarezza, provvederei comunque alla comunicazione, anche se capisco che, nel caso specifico, la cosa sarebbe poco “delicata” nei confronti del lavoratore.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Dopo la pubblicazione della circolare 28/2016 possiamo procedere alla detassazione dei premi di risultato? Possiamo convertire il pdr in welfare aziendale anche se non previsto nel contratto aziendale?

È possibile detassare i premi di risultato o gli utili corrisposti ai lavoratori, nel limite dei 2.000 euro lordi e sempreché non abbiano superato, nel 2015, il reddito di 50.000

Quali sono le casistiche, previste dal legislatore, perché nasca l’obbligo di indicare la causale per assumere un lavoratore con contratto a tempo determinato?

Va sempre indicata la causale nei seguenti casi di sottoscrizione di un rapporto a tempo determinato, ai sensi dell’articolo 19 e ss del decreto legislativo 81/2015: primo contratto stipulato per

Quesiti sulla Legge n.96/2018 poste dai partecipanti al Webinar di JOL del 4 ottobre 2018

Un Dipendente extra, può essere assunto con contratto a tempo determinato per 12 mesi senza causale e poi ulteriori 12 mesi con la causale. O possiamo solo fargli fare contratti stagionali?

2 Commenti

  1. Roberto
    settembre 24, 10:50 Reply

    Ritengo che avvenga detta sospensione indipendentemente da quanto indicato dal CCNL. In tal senso anche la recente sentenza della Corte di Cassazione n. 5856 dell’8 marzo 2017,

  2. rossella
    settembre 21, 11:44 Reply

    La malattia e le ferie sospendono il periodo di prova indipendentemente dal fatto che nel CCNL si parli di giorni di lavoro effettivo o giorni di calendario?
    In entrambi i casi c’è sospensione? oppure nel caso di giorni di calendario non viene interrotto il periodo di prova al manifestarsi di tali eventi?
    grazie

Lascia un commento