AUTO, +9,2% IN EUROPA NEL 2015. BOOM FCA

image_pdfimage_print

auto(ANSA) – TORINO, 15 GEN – Il mercato europeo dell’auto ha chiuso il 2015 con 14.198.750 immatricolazioni, il 9,2% in più del 2014. Nel mese di dicembre le consegne sono state 1.153.982, pari a una crescita del 15,9% rispetto allo stesso mese dell’ anno precedente. I dati, che si riferiscono all’Europa dei 28 più i tre Paesi Efta (Islanda, Norvegia e Svizzera), sono stati diffusi dall’ Acea, l’associazione dei costruttori auto europei.
Risultati “nettamente superiori a quelli ottenuti dal mercato” per Fca, grazie al successo di 500X e Renegade. Il gruppo ha venduto nel 2015 in Europa 872.500 auto, il 13,6% in più del 2014, con una quota in crescita al 6,1%. A dicembre le immatricolazioni del gruppo sono state 65.168, il 16,4% in più dello stesso mese dell’anno precedente. I buoni dati fanno rimbalzare in Borsa il titolo, che dopo lo scivolone di ieri ha aperto le contrattazioni in rialzo dell’1,97%.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

ISTAT: SPESA SOCIALE INEFFICIENTE

Il sistema di protezione sociale italiano è tra quelli europei “uno dei meno efficaci”. Lo rileva il Rapporto annuale Istat 2016, evidenziando come “la spesa pensionistica comprime il resto dei

PUBBLICATO BANDO PER LE SCUOLE MILITARI

Il Ministero della Difesa ha indetto i concorsi, per esami, per l’ammissione di 270 giovani ai licei annessi alle Scuole militari dell’Esercito, alla Scuola navale militare e alla Scuola militare

Nuovi voucher, differenze per il settore agricolo

L’abrogazione dei voucher Inps 2017, è avvenuta per effetto del decreto legge n. 25 del 17 marzo 2017, che ha previsto l’abolizione degli articoli 48, 49 e 50 del Jobs

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento