FISASCAT: IL 5 FEBBRAIO SCIOPERO ADDETTI RISTORAZIONE COLLETTIVA PER RINNOVO CONTRATTO

image_pdfimage_print

CCNLIncroceranno le braccia il prossimo 5 febbraio gli 80mila addetti della ristorazione collettiva impiegati nei servizi di preparazione e consegna di pasti su larga scala, mense aziendali, scuole e ospedali in attesa da oltre 32 mesi del rinnovo della parte speciale del contratto del turismo. E’ quanto annuncia una nota della Fisascat Cisl.
“La protesta nazionale -spiega il sindacato- convoglia il primo pacchetto di 8 ore di sciopero inizialmente previsto a livello territoriale dai sindacati nazionali di categoria Fisascat Cisl, Filcams Cgil, Uiltucs in seguito alla rottura al tavolo negoziale aperto con Angem e Aci e allo stallo delle trattative con le altre associazioni imprenditoriali Fipe Confcommercio, Federturismo Confindustria e Confesercenti, anch’esse firmatarie il contratto nazionale del turismo parte speciale ristorazione collettiva”.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

BARTOLINI ASSUME

Bartolini, nota azienda che opera nel settore della logistica e dei trasporti, ricerca Impiegato operativo, Commerciale Interno, Supervisore Operativo Arrivi, Impiegato Amministrativo e Supervisore operativo partenze. Per conoscere sedi di lavoro, per tutte le altre informazioni

TURISMO CULTURALE

L’occupazione prima di tutto, ma un lavoro nuovo, non precario, stabile e professionalizzato, che sia il frutto di una nuova stagione di investimenti, materiali e immateriali, sulla cultura e sul

Edilizia: crescita nel settore residenziale

L’Istat registra una crescita non solo nell’edilizia residenziale, ma anche sui permessi per costruire: nel primo semestre 2016 il numero di abitazioni dei nuovi fabbricati supera le 10 mila unità

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento