Qual è la data di licenziamento disciplinare: la data di contestazione o di lettera di licenziamento?

Qual è la data di licenziamento disciplinare: la data di contestazione o di lettera di licenziamento?
image_pdfimage_print

Il   licenziamento   intimato   all’esito   del   procedimento disciplinare produce effetto dal giorno della comunicazione con cui il procedimento medesimo  è  stato  avviato (lettera di contestazione),  salvo  l’eventuale diritto del  lavoratore  al  preavviso  o  alla  relativa  indennità sostitutiva; è fatto  salvo,  in  ogni  caso,  l’effetto  sospensivo disposto a tutela della maternità e della paternità e in caso di  infortunio occorso sul lavoro.
Il periodo di eventuale lavoro svolto in costanza della procedura si considera come preavviso lavorato.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho una azienda che lavora in modo discontinuo, come faccio senza i voucher?

Da sabato 17 marzo 2017 è vigente il Decreto Legge n. 25/2017 che abroga, dalla stessa data, il Lavoro Accessorio. Viene lasciato un periodo transitorio, per i voucher acquistati in

Sono un lavoratore licenziato per giusta causa dall’azienda. Mi hanno detto che essendo un licenziamento per mia colpa, non mi spetta l’indennità di disoccupazione. È vero?

No, anche i licenziamenti per motivi disciplinari (giustificato motivo soggettivo e giusta causa) rientrano tra le ipotesi di disoccupazione involontaria conseguente ad un atto unilaterale del datore di lavoro e

Lo sgravio previsto dalla L.190/2014 per gli assunti a tempo indeterminato vale anche per coloro che avendone i requisiti sono stati assunti a seguito di accesso ispettivo ?

Poiché’ la Circolare dell’Inps n. 17 del 29/01/2015 rileva in premessa  che lo scopo dell’esonero è quello di promuovere l’occupazione stabile attraverso l’utilizzo dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento