Qual è la data di licenziamento disciplinare: la data di contestazione o di lettera di licenziamento?

Qual è la data di licenziamento disciplinare: la data di contestazione o di lettera di licenziamento?
image_pdfimage_print

Il   licenziamento   intimato   all’esito   del   procedimento disciplinare produce effetto dal giorno della comunicazione con cui il procedimento medesimo  è  stato  avviato (lettera di contestazione),  salvo  l’eventuale diritto del  lavoratore  al  preavviso  o  alla  relativa  indennità sostitutiva; è fatto  salvo,  in  ogni  caso,  l’effetto  sospensivo disposto a tutela della maternità e della paternità e in caso di  infortunio occorso sul lavoro.
Il periodo di eventuale lavoro svolto in costanza della procedura si considera come preavviso lavorato.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quali sono i termini e le modalità di presentazione dell’ indennità di disoccupazione da parte di un lavoratore?

  La domanda per il riconoscimento della NASpI deve essere presentata all’INPS, esclusivamente in via telematica, attraverso uno dei seguenti canali: • WEB: servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite

Si possono attivare tutti i tipi di tirocini a seguito di licenziamenti, o ci sono delle differenze?

Mi conferma che il divieto, presente nella normativa regionale, di attivare tirocini a seguito di licenziamenti per giustificato motivo oggettivo si riferisce solo a quelli formativi (non curriculari) e non

Qual’è il massimale di compenso che posso prevedere per un lavoratore accessorio ?

Il massimale di compenso che posso prevedere per un lavoratore accessorio è pari a 2.000 euro netti l’anno, attraverso la corresponsione di voucher. Il massimale riguarda esclusivamente gli imprenditori, in quanto,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento