POLETTI: DISOCCUPAZIONE ALL’11,3% SEGNALE DI SPERANZA E FIDUCIA PER IL 2016

image_pdfimage_print

Poletti“I dati ufficiali dell’Istat ci dicono che la disoccupazione è all’11,3%, ai minimi da tre anni, con una diminuzione di 479.000 disoccupati in un anno; che gli occupati crescono di 36 mila unità in un mese e di 206 mila in un anno, con un aumento dei dipendenti a tempo indeterminato (+ 141 mila in un anno) e delle donne, mentre si riducono i dipendenti a termine; che la disoccupazione giovanile, ancora molto elevata, scende al 38,1%,con una diminuzione di 1,2 punti percentuali sul mese precedente e di 4,9 punti percentuali rispetto al 43% di un anno fa, mentre gli occupati crescono del 3,3%”. Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, commenta così i dati Istat relativi ad occupati e disoccupati di novembre 2015.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Inps: sanzioni per mancata partecipazione alla politiche attive

L’Inps, con la circolare n. 224 del 15 dicembre 2016, fornisce le istruzioni in merito alle modalità applicative delle misure sanzionatorie adottate dai Centri per l’Impiego a seguito delle violazioni

DONNE, IL 30% LASCIA IL LAVORO

Attualmente circa il 30% delle donne occupate lascia il lavoro dopo la gravidanza. Infatti, il tasso di abbandono del lavoro per le donne nate dopo il 1964 è al 25%.

BARTOLINI ASSUME IN TUTTA ITALIA

Bartolini è uno dei maggiori corrieri espresso in Italia ed è in continua ricerca di personale, sia per le sedi dislocate in tutta Italia, sia per la sede centrale di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento