STEFANO SACCHI NOMINATO COMMISSARIO DELL’ISFOL

isfolIl ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti, ha nominato Stefano Sacchi commissario dell’Isfol. La nomina fa seguito alle dimissioni del presidente dell’Istituto, Pietro Varesi, e di due degli altri quattro componenti il consiglio di amministrazione.
Sacchi avrà il compito di assicurare la gestione dell’Isfol fino al compimento del percorso di rinnovo degli organi, previsto dall’articolo 10 del decreto legislativo 150/2015, che porterà alla riduzione del consiglio di amministrazione dagli attuali cinque a tre membri, di cui due – e tra essi il presidente – designati dal ministero del Lavoro e delle politiche sociali e uno dalla Conferenza dei presidenti delle Regioni, individuato nell’ambito degli assessorati regionali competenti nelle materie oggetto di attività dell’Istituto.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INAIL, ON LINE NUOVA VERSIONE 'COMUNICAZIONE MEDICO COMPETENTE'

E’ on line nuova versione del servizio Inail ‘Comunicazione medico competente’. Procede, da parte dell’Inail, infatti, la realizzazione degli interventi di rivisitazione dei servizi per l’utenza all’insegna della semplicità e

BNL: TIROCINI E ASSUNZIONI

Nuove opportunità di lavoro vengono fornite dal Gruppo BNL sia per giovani laureati anche senza esperienza, mediante stage retribuiti, che per professionisti con diversi livelli di carriera. Le selezioni prevedono un

INPS: DATI AMMORTIZZATORI IN DEROGA

Nel quadriennio 2009-2012 la spesa relativa agli ammortizzatori in deroga, sia per le crisi regionali che per le crisi pluri-regionali, ammonta complessivamente a circa 7,4 miliardi di euro (dei quali

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento