Ho licenziato un lavoratore per giusta causa, devo pagare anche il ticket licenziamento? Qualora la risposta sia positiva, quant’è l’importo da pagare?

Ho licenziato un lavoratore per giusta causa, devo pagare anche il ticket licenziamento? Qualora la risposta sia positiva, quant’è l’importo da pagare?
image_pdfimage_print

Sì, il contributo NASpI (c.d. ticket licenziamento) nasce per il solo fatto che il lavoratore acquisisce il diritto formale all’indennità di disoccupazione. Questo indipendentemente dal fatto che il lavoratore trovi da lavoratore il giorno successivo al licenziamento.

Il contributo, per l’anno 2015, è pari a 490,10 euro (41% di 1.195,37 euro) per ogni anno di lavoro effettuato, fino ad un massimo di 3 anni (l’importo massimo del contributo è pari a 1.470,30 euro per rapporti di lavoro di durata pari o superiore a 36 mesi).

Il contributo deve essere calcolato in proporzione ai mesi di anzianità aziendale e senza operare alcuna distinzione tra tempo pieno e part-time. Infine, vanno calcolati i mesi superiori a 15 giorni: la quota mensile è pari a 40,84 euro/mese (490,10/12).

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 487 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho un ragazzo di 24 che voglio assumere a tempo indeterminato con un contratto intermittente, ci sono problemi?

Si evidenzia che il contratto intermittente, disciplinato dagli articoli 13 e ss. del decreto legislativo n. 81/2015, stabilisce le ipotesi di utilizzo che si possono così sintetizzare: secondo le esigenze

Vorremmo far computare dal CPI un lavoratore che è diventato invalido durante il rapporto. Quali documenti devo presentare?

Stiamo parlando di computo ai sensi dell’art. 4, comma 4, della Legge 68/1999. Al fine di far computare il lavoratore nella quota di riserva prevista dall’art. 3 della Legge 68/1999,

Posso detassare il premio risultato che non raggiunge i requisiti per la detassazione del 10%, qualora lo converta in welfare?

L’Agenzia delle Entrate, nella sua circolare n. 28/2016 (pagina 19 e 20), stabilisce che le agevolazioni previste dai commi 182 e ss. della legge 208/2015, al welfare sono applicabili esclusivamente

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento