+650 MILA POSTI

image_pdfimage_print

Il Centro studi di Confindustria stima in discesa il tasso di disoccupazione, che indica in calo al 12% nel 2015, all’11,6% nel 2016 e all’11,1% nel 2017. Nel triennio saranno creati 650 mila posti di lavoro, che portano a 815 mila il totale da quando sono ricominciati ad aumentare, dal 2014.È ripartita, quindi, la domanda di lavoro: il bilancio è positivo nel 2015 e le prospettive sono buone per i prossimi due anni. Finalmente una stima rassicurante per il prossimo futuro.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

EURONICS: ASSUNZIONI E STAGE

Euronics assume con varie tipologie contrattuali e in stage. Le posizioni aperte attualmente sono Stage addetti alle vendite, Stage data entry, Direttori di punto vendita, Vice Store Manager, Addetti alle

COLDIRETTI: IMPATTO TERREMOTO SU POSTI LAVORO IN CAMPAGNA

Sono 3.300 i posti di lavoro a rischio nelle campagne nei territori dei 17 comuni che hanno subito danni strutturali gravi si contraddistinguono per un’elevata densità di aziende agricole che

CHANCE PER 120 MILA

Un aumento di 120 mila posti di lavoro, un risparmio di 6 miliardi in energia, e ogni euro investito  che ne genera altri 5 di benefici per le finanze pubbliche.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento