COCOPRO A RISCHIO

image_pdfimage_print

Sono 654.500 i contratti a progetto attivi in Italia che dal 1° gennaio 2016 non saranno più validi. I co.co.pro, a partire dal 2016, saranno considerati, infatti, come lavoro subordinato nel caso in cui la prestazione fosse personale, continuativa e organizzata dal committente per quel che riguarda orari e luoghi di lavoro. Per questo, tutte le collaborazioni a progetto con questa modalità e tipologia devono essere convertite entro la fine di dicembre 2015, che, se non attuata, mette a rischio la continuità lavorativa.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Agenda Italia Napoli: bellezze e paradossi della città partenopea

Si è svolto lunedì 28 novembre a Castel dell’Ovo l’incontro Agenda Italia, l’evento promosso dal Corriere della Sera per discutere e analizzare i provvedimenti già avviati ed i programmi per

OPPORTUNITA’ PER TECNICI

Si può finalmente parlare seriamente di ripartenza, perchè le esportazioni italiane stanno andando bene, e, se il trend continua, nel 2015 l’Italia raggiungerà 419 miliardi. E’ il presidente dei giovani

INPS: BORSE DI STUDIO

E’ stato pubblicato dall’INPS un bando di concorso per borse di studio in favore dei figli o orfani e loro equiparati, dei dipendenti iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento