ORARI DI LAVORO

image_pdfimage_print

Il 58% dei lavoratori europei è soddisfatto del proprio orario di lavoro e si sente supportato dal manager. Sono questi i risultati pubblicati da Eurofound. Il 33% dei lavoratori dipendenti ha come diretto superiore una donna. Sono gli uomini a essere impiegati nella maggior parte dei casi in orari lavorativi completi di 48 ore, le donne in part-time con 20 ore o meno. Nel 2015 è pari al 16% la percentuale di dipendenti che pensa di poter perdere il lavoro nell’arco di sei mesi.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Corte di Cassazione : malattia e licenziamento

La Corte di Cassazione ha deliberato sulla legittimità del licenziamento nel caso in cui il dipendente in malattia svolga attività che possono ostacolare la sua guarigione. Il periodo coperto dall’indennità

Export: Italia batte Germania grazie alla maggiore qualità e aziende più grandi

L’ Export Italiano batte quello della Germania contando sull’alta qualità dei prodotti e su aziende più grandi e stabili. Questo è quanto emerge dagli ultimi dati statistici sulle esportazioni dei

Retribuzioni contrattuali: ad agosto +0,6%

L’Istat comunica che ad agosto l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta dello 0,6% nei confronti di agosto 2015: in riferimento ai principali macrosettori,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento