Sono uno studente universitario e vorrei sapere la differenza tra appalto e somministrazione

Sono uno studente universitario e vorrei sapere la differenza tra appalto e somministrazione
image_pdfimage_print

La distinzione tra appalto e somministrazione di lavoro consiste nella diversità dell’oggetto: un “fare” nell’appalto, giacché l’appaltatore fornisce al commitente una opera o un servizio da realizzare tramite la propria organizzazione di uomini e mezzi, assumendosi il rischio d’impresa; un “dare” nella somministrazione, nella quale il somministratore si limita a fornire a un terzo forza lavoro da lui assunta, affinché questi ne utilizzi la prestazione secondo le proprie necessità, adattandole al proprio sistema organizzativo.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 487 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Un somministrato ha il diritto di precedenza sulle assunzioni a tempo indeterminato?

A febbraio 2019 terminerà il mio lavoro come somministrato presso una azienda del settore meccanico. Visto che la somministrazione è durata un anno, ho diritto di precedenza sulle assunzioni a

Qual è il costo di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo di un rapporto a T.I. a tutela crescente dopo un anno di lavoro ?

  Salvo quanto non diversamente previsto da un eventuale accordo conciliativo ovvero nel caso in cui il giudice non ravvisi un licenziamento discriminatorio, il costo massimo è pari a 4

Vorrei assumere nel 2018 un lavoratore francese che lavora in Messico, a quale tipo di agevolazione posso accedere?

Per il caso prospettato si può applicare l’ agevolazione prevista dall’articolo 16, comma 1, D.lgs. n. 147 del 2015. Detta norma prevede la possibilità di una esenzione del 50% del

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento