OCCUPATI + 247 MILA

image_pdfimage_print

Nel terzo trimestre dell’anno il numero degli occupati aumenta di 247mila unità (+1,1%) rispetto allo stesso periodo del 2014. È quanto emerge dal report Istat. Oltre la metà della crescita dell’occupazione è concentrata nel Mezzogiorno (+136 mila). Dopo il forte calo dell’occupazione giovanile in tutti gli anni della crisi, nel terzo trimestre 2015 il numero di occupati tra 15 e 34 anni torna a crescere, mettendo a segno un +56 mila unità. La riduzione tendenziale dei disoccupati riguarda, perciò, tutte le categorie di lavoratori.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INGEGNERI: AL VIA BORSE DI STUDIO

Un aiuto concreto per dare un futuro ai giovani ingegneri di talento. Questo l’obiettivo che si pone il Consiglio nazionale degli ingegneri, in collaborazione con gli ordini territoriali, con le

Istat : in mezzo milione di famiglie l’unico reddito è quello della donna

All’interno di oltre 500 mila famiglie, più precisamente 545 mila, con e senza figli, l’unico sostentamento del nucleo familiare è rappresentato dalla retribuzione della donna, con l’uomo che al contrario

121 MILA ESODATI

Al 10 settembre erano 121.500 le certificazioni di lavoratori esodati accolte dall’Inps, mentre sono state finora circa 83.400 le pensioni liquidate. “Si tratta – spiega il ministro dell’Economia, Piercarlo Padoan

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento