DONNE E OCCUPAZIONE

image_pdfimage_print

La crisi economica ha avuto un impatto sulle decisioni delle famiglie in termini di numero di figli. Le donne che perdono il lavoro dopo la gravidanza sono circa un quarto del totale. Per cui oggi molte sono costrette a rinunziare al numero medio di figli che vorrebbero avere nella loro vita, superiore a 2. Più della metà delle madri che hanno smesso di lavorare ha dichiarato di essersi licenziata o di avere interrotto l’attività che svolgeva come autonoma, quasi sempre a causa delle difficoltà di conciliazione dei ruoli.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

UNIONCAMERE: DATI CRESCITA IMPRESE

Più imprese turistiche e commerciali, meno società di costruzioni e aziende agricole. Negli scorsi dodici mesi le imprese italiane hanno accelerato il ritmo di crescita e raggiunto quota 6 milioni

PAPA, LAVORO DEGNO

“La sacralità di ogni essere umano richiede per ognuno rispetto, accoglienza e un lavoro degno”. Sono le parole con cui Papa Francesco, parlando a braccio nella piazza della cattedrale di

Istat: in aumento posti di lavoro "liberi"

L’Istat ha rilevato che il tasso dei posti vacanti, che misura la quota di posti di lavoro ‘liberi’, per i quali il datore di lavoro sta cercando attivamente un candidato,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento