DONNE E OCCUPAZIONE

image_pdfimage_print

La crisi economica ha avuto un impatto sulle decisioni delle famiglie in termini di numero di figli. Le donne che perdono il lavoro dopo la gravidanza sono circa un quarto del totale. Per cui oggi molte sono costrette a rinunziare al numero medio di figli che vorrebbero avere nella loro vita, superiore a 2. Più della metà delle madri che hanno smesso di lavorare ha dichiarato di essersi licenziata o di avere interrotto l’attività che svolgeva come autonoma, quasi sempre a causa delle difficoltà di conciliazione dei ruoli.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

SERVIZIO CIVILE: COOPERAZIONE TRA ITALIA E SLOVENIA

Una cooperazione tra Italia e Slovenia per la mobilità giovanile nel servizio civile e per il rafforzamento dell’economia sociale. A lanciarla il segretario di Stato della Repubblica della Slovenia, Tadej

LAVORO E DISAGIO SOCIALE

Il peggioramento, seppur modesto, rilevato nell’ultimo mese, dopo un trimestre di progressivo miglioramento, riflette una tendenza alla stabilità della disoccupazione estesa. Lo rivela il Misery Index di Confcommercio, secondo il

IBM ITALIA: CINIERO PRESIDENTE, CEREDA AD

Nicola Ciniero nel ruolo di presidente ed Enrico Cereda (nella foto) in quello di amministratore delegato: è questa la novità per il vertice di Ibm Italia, approvata venerdì a Milano

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento