GIOVANI SUL LAVORO

image_pdfimage_print

Il lavoro per i giovani è finalizzato principalmente al sostentamento economico. Lo sostiene una ricerca dell’Isfol secondo la quale i giovani guardano alla retribuzione più che alla coerenza con il percorso di studi. Solo dopo, la scelta viene fatta in base al perseguimento dei propri interessi. Contano, invece, molto un contesto occupazionale che garantisca buone relazioni tra pari, una retribuzione adeguata e, soprattutto, un livello elevato di salute e sicurezza sul luogo di lavoro. Per l’Isfol, non ha importanza quanto lungo sia l’orario di lavoro.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

UBI BANCA SELEZIONA PERSONALE ANCHE SENZA ESPERIENZA

Ubi Banca, gruppo italiano al quinto posto per numero di sportelli, nato il 1 aprile 2007 dalla fusione fra Banche Popolari Unite e Banca Lombarda e con sede centrale a

MINISTERO DEL LAVORO: DATI 2015

Nel 2015 sono stati attivati 420 mila nuovi contratti di lavoro. E’ questo il saldo positivo tra i 10,4 milioni di contratti di lavoro attivati e le 9,98 milioni di

UIL SU PENSIONI

“Il lavoro svolto sino ad ora dai Sindacati e dal Governo al tavolo sulla previdenza è stato positivo. Resta il nodo delle risorse per tradurre i capitoli oggetto del confronto

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento