LAVORO 2016: +1%

Dopo cinque anni consecutivi di dati negativi, si registra un risultato netto sull’occupazione prevista in Italia per il primo trimestre 2016 pari a  più 1%. E’ il segno che la ripresa economica comincia a mostrare i primi segnali positivi e si prevede che il mercato del lavoro italiano si muova nella stessa direzione. Adesso, per restare competitivi, è necessario che le società maturino una chiara comprensione delle competenze soft necessarie per vincere nei mercati di riferimento in un mondo del lavoro sempre più digitale.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

SORRIDERE PER LAVORARE

Sorriso e senso dell’umorismo: ecco le armi vincenti per fare buona impressione al colloquio di lavoro. A rivelarlo è una recente ricerca commissionata da Crowne Plaza Hotel & Resorts, catena

FONDO GENITORI PRECARI

Riattivata la Banca dati per l’occupazione dei giovani genitori, il cui sblocco consentirà di erogare subito 8 milioni per stabilizzarne 1.600 attualmente con contratto di lavoro precario. La Banca dati

OLTRE 286 MILA CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO

Nei primi sette mesi dell’anno i contratti a tempo indeterminato sono cresciuti in Italia di  286.126 unità. L’incremento delle assunzioni risulta superiore alla media nazionale (+35,4%) in Friuli-Venezia Giulia (+85,3%), in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento