LAVORO E WHITE ECONOMY

image_pdfimage_print

Nella filiera delle attività, pubbliche e private, riconducibili alla cura e al benessere delle persone, detta White Economy, sono 3 milioni e 800 mila gli addetti che operano in maniera diretta e nell’indotto generato dalle varie attività. È la fotografia scattata dal Rapporto 2015 “Welfare, Italia. Laboratorio per le nuove politiche sociali” che si presenta oggi. Attualmente nella White Economy ogni 100 nuove unità di lavoro ne attivano ulteriori 133 nel complesso dell’economia italiana.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Conferenza stampa: Formazione ed occupazione nel settore ferroviario

È prevista per la giornata di martedì 20 marzo 2018 alle ore 10 nella Sala Convegni Fantini di Confindustria Foggia, la Conferenza stampa annunciata da Confindustria Foggia, For.Fer. srl e

MUSEI SERVIZI PUBBLICI

Cosa cambia per i lavoratori dopo il decreto del governo che inserisce i musei tra i servizi pubblici essenziali?  Per proclamare uno sciopero occorre comunicarlo preventivamente,  con un preavviso di

Società a controllo pubblico: stop a buonuscite manager

Per le società a controllo pubblico c’è tempo fino al 31 Luglio per mettersi in regola con le nuove norme del decreto Madia. Entro la fine del mese le partecipate

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento