POLETTI, SGRAVI NEL 2016

image_pdfimage_print

L’obiettivo del governo è avere un contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, che deve costare di meno dei contratti a termine e dei contratti precari e che rappresenti il modo normale di assunzione. Lo ribadisce il ministro del Lavoro Poletti, secondo il quale “sugli sgravi è stata fatta una decontribuzione nel primo anno in maniera molto forte mentre per il 2016, pur confermandoli, se ne ridurrà l’importo ed è prevedibile che quello dopo si farà la stessa cosa”.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cgia: nell’ultima parte dell’anno 123 mila occupati in più

  Nell’ultima parte dell’anno si potrà contare su 123 mila nuovi occupati e 36 mila disoccupati in meno. Lo stima l’Ufficio studi della Cgia di Mestre sulla base dei dati

POLETTI, NESSUN COTTIMO

“Ll’orario di lavoro non deve essere l’unico elemento a cui riferirsi ma bisogna provare anche a leggere in positivo le dinamiche del cambiamento”. Così il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti,

DONNE AL SUD: + 46 MILA AL LAVORO

Nella prima parte del 2015 c’è stata, inaspettatamente, una piccola ripresa dell’occupazione femminile al Sud, pari a 46 mila donne, di cui 15 mila nella sola Sicilia. Lo rileva Confcommercio,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento