STRESS DA CATTIVO CAPO

Un cattivo capo è dannoso alla salute come il fumo passivo. Lo dicono i ricercatori della Harvard Business School e della Stanford University,. Secondo l’associazione degli psicologi americani, il 75% dei lavoratori statunitensi cita il proprio capo come la più grossa causa di stress sul lavoro. Per questo motivo il 27% lascia per una nuova occupazione mentre l’11% si licenzia senza neanche avere un’alternativa. Oltre al capo, in cima alla lista degli stress che incidono di più sulla salute c’è la perdita del lavoro (50%).

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Assolavoro: gravi preoccupazioni per Decreto Dignità, occorre incontro urgente con ministro Di Maio [NOTA STAMPA]

ASSOLAVORO: GRAVI PREOCCUPAZIONI PER RIFLESSI DECRETO DIGNITÀ SU FLESSIBILITÀ CON TUTELE E DIPENDENTI AGENZIE. OCCORRE INCONTRO URGENTE CON MINISTRO DI MAIO. 2 luglio 2018. Contrariamente a quanto annunciato dal Ministro

Occupazione: stabile nei primi tre mesi dell’anno, leggera flessione per i tempi indeterminati

Le ultime rilevazioni dell’Istituto di Statistica sull’occupazione mostra un mercato del lavoro essenzialmente stazionario tra il quarto trimestre del 2017 e i primi tre mesi del 2018. Secondo le stima

ISTAT: DATI PRODUZIONE INDUSTRIALE

A giugno cala la produzione industriale in Italia. L’indice destagionalizzato è diminuito dello 0,4% rispetto a maggio. Corretto per gli effetti di calendario, l’indice è diminuito in termini tendenziali dell’1,0%.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento