STRESS DA CATTIVO CAPO

Un cattivo capo è dannoso alla salute come il fumo passivo. Lo dicono i ricercatori della Harvard Business School e della Stanford University,. Secondo l’associazione degli psicologi americani, il 75% dei lavoratori statunitensi cita il proprio capo come la più grossa causa di stress sul lavoro. Per questo motivo il 27% lascia per una nuova occupazione mentre l’11% si licenzia senza neanche avere un’alternativa. Oltre al capo, in cima alla lista degli stress che incidono di più sulla salute c’è la perdita del lavoro (50%).

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

MONTEFIBRE: 500 A RISCHIO

Il fallimento del piano di rilancio dell’ex Montefibre rischia di lasciare a casa oltre 500 lavoratori, danneggiando così un territorio dove già le prospettive lavorative sono complicate. Il deputato napoletano

IN VENETO C’E’ LAVORO

In Veneto si trova un lavoro nelle imprese manifatturiere, come dimostrano i dati di Regione Congiuntura del terzo trimestre 2015, che registrano una dinamica positiva, pari al +1,7%, superiore a

G20 SU NEET

Obiettivo ambizioso: ridurre del 15% la platea di giovani, neet  o con bassi livelli di formazione, che rischiano di rimanere tagliati fuori dal mercato del lavoro. Lo hanno fissato ministri

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento