Ho installato un software per monitorare le email che non riguardano l’attività lavorativa. Devo richiedere l’autorizzazione all’ispettorato del lavoro o, con le nuove regole, sono esentato?

Ho installato un software per monitorare le email che non riguardano l’attività lavorativa. Devo richiedere l’autorizzazione all’ispettorato del lavoro o, con le nuove regole, sono esentato?
image_pdfimage_print

A mio avviso, l’installazione del software per verificare la provenienza e l’invio di email che non riguardano l’attività lavorativa,  è subordinata ad accordo sindacale o all’autorizzazione della Direzione del Lavoro.
Qualora l’avesse già installato, La invito a toglierlo, in quanto, comunque, le informazioni reperite non potranno essere utilizzate.

Potrebbe interessarti anche: 

Controlli a distanza e sugli strumenti di lavoro: l’informativa al lavoratore [E.Massi]

Controlli a distanza e sugli strumenti di lavoro: l’informativa al lavoratore [E.Massi]

Un passaggio molto importante della recente normativa che ha cambiato la struttura e l'impostazione dell'art. 4 della legge n. 300/1970 è …

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 487 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

L’azienda presso la quale lavoro applica il CCNL che non disciplina l’apprendistato professionalizzante, così come modificato dal TU 167/2011; posso comunque assumere un apprendista con le vecchie regole ?

L’interpello n. 4/2013 del Ministero del Lavoro stabilisce che nel caso in cui il datore di lavoro applichi un contratto collettivo che non abbia disciplinato l’ apprendistato professionalizzante, è possibile

Buongiorno, la responsabilità solidale del committente sull’appaltatore, così come indicata dall’articolo 29, è prevista solo quando si tratta di appalto effettuato all’interno della ditta del committente?

La problematica relativa alla responsabilità solidale è ascrivibile anche ad un appalto non endo-aziendale. Detta affermazione è avallata: dalla normativa (articolo 29, comma 2, del DLvo 276/2003), laddove non è

Alessandro M. chiede: leggendo il testo del DL 34/2014 non riusciamo a capire se contratti già in essere a tempo determinato CON CAUSALE possano ora essere disciplinati dal nuovo contratto acausale (8 proroghe e 36 mesi)

R. Camera : ” Le rispondiamo in assenza di indicazioni ministeriali in tal senso: a  nostro avviso, è il caso di cessare il rapporto di lavoro a scadenza e riassumere il

2 Commenti

  1. Roberto
    febbraio 11, 20:59 Reply

    La cosa va valutata dopo un attento esame. Se l’erogazione nasce da un accordo aziendale, sarà difficile eliminarla unilaterlmente. Se l’erogazione è avvenuta senza alcuna condivisione con il personale, l’azienda potrebbe decidere di interrompere l’erogazione. E’ logico che potrebbe creare qualche malcontento con il personale, soprattutto quelli “anziano”. Sarebbe il caso di ridefinire l’erogazione attraverso un accordo sindacale che vada a rimodulare la voce paga in premio di produttività, favorendo anche la detassazione.

  2. Teresa
    febbraio 11, 20:31 Reply

    Buonasera avrei da chiedere u chiarimento. Un’azienda ha erogato la 14 esima pur non essendo contrattualmente prevista. Oggi decide di non volerla più erogare iniziando con i neo assunti e successivamente con gli anziani. Come gestisco questa situazione? Soprattutto ai neo assunti potrebbe essere esonerata dall’ erogarla? Grazie mille un caro saluto

Lascia un commento