Ho installato un software per monitorare le email che non riguardano l’attività lavorativa. Devo richiedere l’autorizzazione all’ispettorato del lavoro o, con le nuove regole, sono esentato?

Ho installato un software per monitorare le email che non riguardano l’attività lavorativa. Devo richiedere l’autorizzazione all’ispettorato del lavoro o, con le nuove regole, sono esentato?

A mio avviso, l’installazione del software per verificare la provenienza e l’invio di email che non riguardano l’attività lavorativa,  è subordinata ad accordo sindacale o all’autorizzazione della Direzione del Lavoro.
Qualora l’avesse già installato, La invito a toglierlo, in quanto, comunque, le informazioni reperite non potranno essere utilizzate.

Potrebbe interessarti anche: 

Controlli a distanza e sugli strumenti di lavoro: l’informativa al lavoratore [E.Massi]

Controlli a distanza e sugli strumenti di lavoro: l’informativa al lavoratore [E.Massi]

Un passaggio molto importante della recente normativa che ha cambiato la struttura e l'impostazione dell'art. 4 della legge n. 300/1970 è …

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 504 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Le modifiche alla legge 151/2001 sulla maternità riguardano anche gli affidamenti di bimbi alle famiglie?

Sì, tutte le modifiche e le novità introdotte al decreto legislativo 151/2001 (TU sulla maternità) sono da considerare anche in caso di adozione (nazionale ed internazionale) e di affidamento.

Le imprese sottoposte a procedura concorsuale con prosecuzione dell’esercizio…?

Le imprese sottoposte a procedura concorsuale con prosecuzione dell’esercizio di impresa, in costanza di fruizione del trattamento di cassa integrazione guadagni straordinaria in forza delle causali previste dalla previgente disciplina

Come viene calcolato il rispetto del periodo di riposo settimanale da parte dell’ispettore del lavoro?

Così come chiarito dalla nota della Direzione generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro, n. 19428 del 14 dicembre 2009, si ha rispetto della disposizione contenuta nell’articolo 9 del

2 Commenti

  1. Roberto
    Febbraio 11, 20:59 Reply

    La cosa va valutata dopo un attento esame. Se l’erogazione nasce da un accordo aziendale, sarà difficile eliminarla unilaterlmente. Se l’erogazione è avvenuta senza alcuna condivisione con il personale, l’azienda potrebbe decidere di interrompere l’erogazione. E’ logico che potrebbe creare qualche malcontento con il personale, soprattutto quelli “anziano”. Sarebbe il caso di ridefinire l’erogazione attraverso un accordo sindacale che vada a rimodulare la voce paga in premio di produttività, favorendo anche la detassazione.

  2. Teresa
    Febbraio 11, 20:31 Reply

    Buonasera avrei da chiedere u chiarimento. Un’azienda ha erogato la 14 esima pur non essendo contrattualmente prevista. Oggi decide di non volerla più erogare iniziando con i neo assunti e successivamente con gli anziani. Come gestisco questa situazione? Soprattutto ai neo assunti potrebbe essere esonerata dall’ erogarla? Grazie mille un caro saluto

Lascia un commento