LAVORO IN MOBILITA’

image_pdfimage_print

Agli italiani piace il lavoro in mobilità. Il 70% degli intervistati si dichiara disposto ad aumentare il numero di ore di lavoro settimanali fino a cinque in più, pur di beneficiare dell’elasticità che lo status di lavoratore mobile garantisce. Ciò perchè rappresenta la possibilità di godere di orari migliori grazie a un miglior bilanciamento con le esigenze della vita privata, di risparmiare il tempo di viaggio e di poter migliorare la propria produttività: anche se in molti ritengono  che l’interazione con l’ufficio debba essere migliorata e resa più veloce.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

NASPI PER STAGIONALI

Rendere strutturale l’intervento Naspi per i 300 mila lavoratori stagionali dei comparti produttivi e degli stabilimenti termali. Lo chiede la Fisascat, federazione del terziario, turismo e servizi della Cisl, in

RYANAIR: I CABIN CREW DAY DI GIUGNO

La nota compagnia aerea low cost irlandese Ryanair ha comunicato le date di giugno dei Cabin Crew Day 2016, le giornate dedicate alle selezioni di personale di bordo per le

LAVORO, RAPPORTI GENITORI FIGLI

I genitori smettono troppo presto di fornire ai figli supporto in ambito lavorativo, stando ai risultati di una ricerca di LinkedIn, il più grande network professionale online. Per gli intervistati,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento