LAVORO IN MOBILITA’

image_pdfimage_print

Agli italiani piace il lavoro in mobilità. Il 70% degli intervistati si dichiara disposto ad aumentare il numero di ore di lavoro settimanali fino a cinque in più, pur di beneficiare dell’elasticità che lo status di lavoratore mobile garantisce. Ciò perchè rappresenta la possibilità di godere di orari migliori grazie a un miglior bilanciamento con le esigenze della vita privata, di risparmiare il tempo di viaggio e di poter migliorare la propria produttività: anche se in molti ritengono  che l’interazione con l’ufficio debba essere migliorata e resa più veloce.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

RENZI SU DEBITO

“Il debito pubblico si misura sulla base del Pil. L’ammontare complessivo va sempre aumentando ma valuti se sale o no, rispetto alla crescita. E’ un principio di buonsenso. E il

Lavoro: bonus performances in busta paga

A voler guardare il bicchiere mezzo pieno si potrebbe dire che forse siamo vicini all’addio, senza rimpianti, ad un antico luogo comune che ha pesato (e in parte pesa ancora)

FUTURO DIPENDENTI PROVINCE

Arriva la prima mappa del ministero della Pubblica Amministrazione guidata dalla Madia sui dipendenti delle Province, per cui sta partendo il ricollocamento. I dati finora elaborati ne vedono coinvolti oltre

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento