CONTRATTI DECENTRATI

image_pdfimage_print

Le parti sociali sono a un passaggio decisivo per la revisione del modello contrattuale. “Basta, però, guardare ai soliti modelli oltreconfine -sostiene il giuslavorista Francesco Rotondi – L’Italia si fonda su una molteplicità e una pluralità territoriale. E se questo è il nostro Dna è innaturale fondare la contrattazione collettiva e le relazioni industriali sulla centralità del contratto nazionale. Il modello va rovesciato: quello nazionale dovrà concentrarsi solo su 6 macro-capitoli, definendo l’essenziale, e tutto il resto dovrà essere demandato alla contrattazione territoriale e aziendale”.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

UIL: DATI CIG MARZO

Le ore di cassa integrazione autorizzate a marzo sono state oltre 52,3 milioni (-13% rispetto a febbraio). Nel terzo mese dell’anno la cassa integrazione ordinaria ha registrato 17,5 milioni di

UNIONCAMERE: MEDIE IMPRESE ITALIANE CRESCONO

Crescono a ritmo più sostenuto rispetto alla manifattura, competono ad armi pari con la concorrenza tedesca e rappresentano un segmento in cui finalmente il Sud va alla stessa velocità del

POCHI DISABILI LAVORANO

In Italia lavora meno di un disabile su cinque, il 19,7% delle persone con disabilità grave nella fascia di età tra i 15 e i 64 anni. Attualmente l’80% non

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento