POCHI DISABILI LAVORANO

image_pdfimage_print

In Italia lavora meno di un disabile su cinque, il 19,7% delle persone con disabilità grave nella fascia di età tra i 15 e i 64 anni. Attualmente l’80% non fa nulla: di questi il 46% ha lasciato il lavoro, il 10,5% è in cerca di occupazione e il 23,9% non la cerca neppure. “Dobbiamo costruire un ponte tra la scuola, la formazione, la conoscenza e il sapere e l’impegno del lavoro”, dice il ministro del Lavoro Poletti, secondo il quale la recente riforma migliora la possibilità di occupazione dei giovani diversamente abili.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

ESMA: TIROCINI RETRIBUITI

Sono disponibili delle ottime opportunità di tirocinio retribuito all’estero presso L’ESMA, cioè l’Autorità Europea degli Strumenti Finanziari e dei Mercati, una degli enti dell’UE che si occupa di salvaguardare la

PENSIONI: UNIMPRESA, SPESA AUMENTA DI 20 MILIARDI IN 2016-2019

Crescerà di oltre 20 miliardi di euro la spesa per le pensioni nei prossimi quattro anni. Ma saranno tutte le uscite del bilancio pubblico, complessivamente, a salire tra il 2016

L’IMPRESA CREA LAVORO

 “L’Italia deve restare un grande Paese manifatturiero”: parola del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti. Secondo l’esponente governativo, bisogna continuare a investire nella manifattura, magari innovandola, ma senza abbandonarla, in quanto

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento