USA +217 MILA OCCUPATI

image_pdfimage_print

Il settore privato americano ha creato in novembre 217 mila nuovi posti di lavoro. Il dato è superiore alle attese degli analisti, che scommettevano su 190 mila posti.Ciò spingerà ulteriormente, se ce ne fosse ancora bisogne, la Federal Reserve Usa, nella riunione di metà mese, a procedere per la prima volta, dopo molti anni, a un aumento del costo del denaro. Infatti, la ripresa a stelle e strisce è ormai una realtà non solo evidente a tutti ma anche ampiamente consolidata.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

DUCATI SELEZIONA PER STAGE E ASSUNZIONI

Ducati, marchio italiano è tra i maggiori nel panorama motociclistico mondiale, attualmente offre opportunità di Tirocinio R&D Global Sourcing e per Ingegnere Di Sviluppo Motore. Per presentare le proprie candidature

APPLE: 200 ASSUNZIONI A MILANO

Apple Inc., azienda statunitense che produce sistemi operativi, computer e dispositivi multimediali ha presentato il progetto per un nuovo megastore in cui saranno richiesti 200 addetti. La multinazionale vuole realizzare

Pensioni: primo accordo Governo-sindacati

Governo e sindacati hanno firmato da pochi minuti un verbale sugli interventi sul sistema delle pensioni. Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Tommaso

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento