USA +217 MILA OCCUPATI

image_pdfimage_print

Il settore privato americano ha creato in novembre 217 mila nuovi posti di lavoro. Il dato è superiore alle attese degli analisti, che scommettevano su 190 mila posti.Ciò spingerà ulteriormente, se ce ne fosse ancora bisogne, la Federal Reserve Usa, nella riunione di metà mese, a procedere per la prima volta, dopo molti anni, a un aumento del costo del denaro. Infatti, la ripresa a stelle e strisce è ormai una realtà non solo evidente a tutti ma anche ampiamente consolidata.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

SEAT RICERCA PERSONALE IN TUTTA ITALIA

Seat Pagine Gialle Italia, la local internet company che offre alle imprese un supporto a 360° per promuovere la propria attività su Internet, attraverso un network di agenzie presenti su

BCE SU IMPATTO OCCUPAZIONE

La crisi in Italia ha esercitato un impatto avverso ben più persistente sull’occupazione complessiva, che è rimasta pressoché invariata, in controtendenza rispetto all’insieme dell’area euro e alle sue economie più

CHANCE PER 120 MILA

Un aumento di 120 mila posti di lavoro, un risparmio di 6 miliardi in energia, e ogni euro investito  che ne genera altri 5 di benefici per le finanze pubbliche.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento