POLETTI E RENZI SU LAVORO

image_pdfimage_print

La disoccupazione l’anno scorso era al 13%, oggi è all’11,5. “È ancora alta, ma è un punto e mezzo in meno”, commenta il premier Matteo Renzi. Gli fa eco il ministro del Lavoro, Poletti, secondo il quale “i dati diffusi oggi  confermano una tendenza positiva dell’occupazione nel medio periodo e che il tasso di disoccupazione è ai minimi da tre anni”. Poletti spiega che la riduzione dell’occupazione indipendente, a fronte della crescita di quella dipendente, è un effetto delle scelte compiute che ha portato alla riduzione delle false partite Iva e delle collaborazioni a progetto.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

NON SOLO STARTUP, ‘PASSAGGIO TESTIMONE’ PER 303.000 PMI ‘ANZIANE’

Per le neo imprese italiane è difficile sopravvivere ai primi anni di vita, ma anche per gli imprenditori anziani è altrettanto complicato passare il testimone a chi vuole prendere in

AZIENDE CERCANO LAUREATI

La maggior parte delle aziende italiane conta di inserire neolaureati nel proprio organico entro l’anno prossimo, anche senza esperienza. Tuttavia, quasi due responsabili su tre lamentano uno scarso numero di

ASSOLAVORO: DATI RAPPORTI DI LAVORO ATTIVO

A marzo 2016 i rapporti di lavoro attivi tramite agenzie per il lavoro sono 343.465, in aumento del 5,4% rispetto a febbraio e del 6,4% rispetto allo stesso periodo del

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento