fbpx

INATTIVI + 196 MILA

La discesa della disoccupazione è legata, almeno in parte, al contestuale aumento dei cosiddetti inattivi, vale a dire persone che hanno smesso di cercare un lavoro. Le statistiche sull’occupazione vanno lette fino in fondo e un’analisi non superficiale non può ignorare gli effetti positivi provocati da un dato, quello sugli inattivi, che invece dovrebbe  preoccupare, perché testimonia senza dubbio un senso di sfiducia. Non a caso a ottobre il tasso di disoccupazione si è attestato all’11,5% e gli inattivi sono cresciuti, in un anno, di 196 mila unità, equivalente a un incremento dell’1,4%.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

LAVORARE ALL’ESTERO

Decolla Thekillercv.com, primo servizio online di coaching indirizzato ai giovani che vogliono entrare nel mondo del lavoro internazionale. L’obiettivo è aiutare i ragazzi prima a capire quale carriera sia più

MILANO GIOVANI ASSUNTI

Il 36% delle assunzioni delle imprese a Milano, su un totale di 13 mila nel terzo trimestre 2015, riguarda un giovane fino a 29 anni, Un peso maggiore rispetto alla

TAGLIARE SPESE INUTILI

“Chi dice che non ci sono risorse per rilanciare il lavoro mente. E per capire quanto questa bugia sia grande, basta ricordare il costo degli enti inutili: 11miliardi”. E’ il

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento