76 MILA PROFILI INTROVABILI

image_pdfimage_print

Quando il lavoro c’è, ma mancano le competenze: sono ben 76 mila i profili professionali ricercati ma difficili da trovare. Lo si ricava dal Sistema informativo Excelsior: tra i laureati, i più difficili da trovare sono gli statistici, gli ingegneri e quelli che hanno un titolo in materie scientifiche. Tra i diplomati, dove le difficoltà di reperimento sono inferiori, mancano i profili per telecomunicazioni, informatica e indirizzo grafico-pubblicitario. I maggiori problemi a identificarli riguardano i comparti del tessile, abbigliamento e moda.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

BANDO SERVIZIO CIVILE ALL’AISM

Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha pubblicato il Bando 2016 per la selezione di 35.203 volontari. AISM è impegnata in progetti che rispondono concretamente ai bisogni delle persone con sclerosi

GARANZIA GIOVANI: OLTRE 255 MILA I GIOVANI AVVIATI AD ALMENO UNA DELLE MISURE

Continua a crescere il numero dei giovani presi in carico e quello dei giovani ai quali è stata offerta un’opportunità concreta tra quelle previste dal programma Garanzia Giovani. Al 7

FA DISCUTERE LA STAFFETTA GENERAZIONALE

 I figli al posto dei padri in azienda? Semplice a dirsi, non sempre facile a farsi, anche se se colossi come Luxottica stanno discutendo con i sindacati le modalità possibili

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento