PIU’ FIDUCIA SUL LAVORO

image_pdfimage_print

Aumenta sensibilmente il clima di fiducia nel Paese, secondo l’Istat: a novembre sale a 118,4 punti, il livello più alto mai registrato da gennaio 1995. A ottobre si attestava a 117. Sono, infatti, molto più rosei rispetto al passato, anche recente, i giudizi sull’attuale situazione economica italiana e ciò fa diminuire sensibilmente le attese di disoccupazione. Non, però, nel settore delle costruzioni, dove, pur migliorando i giudizi sugli ordini, peggiorano le attese sull’occupazione.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Gevi Academy e S.I.U.L.P.: convenzione per i concorsi in Polizia di stato

La prestigiosa Business School Gevi Academy e il sindacato di polizia più rappresentativo stringono un accordo di esclusiva per il 2017 per la preparazione ai concorsi per entrare nel corpo

HERMES ASSUME ANCHE ALL'ESTERO

Hermes, colosso francese nato nel 1837, con sede centrale a Parigi e attivo in cinquanta Paesi del mondo, grazie al lavoro dei suoi undicimila collaboratori, nella produzione e commercializzazione di

MONTEFIBRE: 500 A RISCHIO

Il fallimento del piano di rilancio dell’ex Montefibre rischia di lasciare a casa oltre 500 lavoratori, danneggiando così un territorio dove già le prospettive lavorative sono complicate. Il deputato napoletano

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento