OCCUPATO 62% LAUREATI

image_pdfimage_print

Nel 2014, appena il 62% dei laureati tra 25 e 34 anni era occupato in Italia, il 5% in meno rispetto al tasso di impiego del 2010: un livello paragonabile a quello della Grecia e il più basso tra i Paesi dell’OCSE. Nel Rapporto Education at a Glance emerge che l’Italia e la Repubblica Ceca sono i soli tra le nazioni industrializzate dove il tasso di occupazione è più basso tra i laureati rispetto alle persone che hanno conseguito un diploma d’istruzione secondaria superiore.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

65 MILA LAVORATORI FITTIZI NEI CAMPI

In agricoltura, per ogni lavoratore regolare, se ne generano tra 6 e 7 fittizi, che acquisiscono il diritto a percepire illegalmente le indennità di disoccupazione pagate dall’Inps. Nel 2014, dai controlli effettuati,

INCENTIVI ASSUNZIONI

Il provvedimento del Governo sugli incentivi alle assunzioni a tempo indeterminato dovrebbe essere stabilizzato e reso permanente e definitivo, perché altrimenti non ha molto senso. Ne è convinto il presidente

Istat : lieve flessione prevista per l’economia italiana

Il primo trimestre dell’anno è stato positivo con il PIL in crescita dello 0,3% congiunturalmente, l’ Istat, però, mette in guardia il nostro Paese prevedendo un periodo in cui si

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento