OCCUPATO 62% LAUREATI

image_pdfimage_print

Nel 2014, appena il 62% dei laureati tra 25 e 34 anni era occupato in Italia, il 5% in meno rispetto al tasso di impiego del 2010: un livello paragonabile a quello della Grecia e il più basso tra i Paesi dell’OCSE. Nel Rapporto Education at a Glance emerge che l’Italia e la Repubblica Ceca sono i soli tra le nazioni industrializzate dove il tasso di occupazione è più basso tra i laureati rispetto alle persone che hanno conseguito un diploma d’istruzione secondaria superiore.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

PENSIONI: UNIMPRESA, SPESA AUMENTA DI 20 MILIARDI IN 2016-2019

Crescerà di oltre 20 miliardi di euro la spesa per le pensioni nei prossimi quattro anni. Ma saranno tutte le uscite del bilancio pubblico, complessivamente, a salire tra il 2016

ISTAT: MENO GIOVANI A CASA

Scendono al 22,3% nel secondo trimestre 2016 i ragazzi che non sono impegnati né a scuola né a lavoro, i Neet (Not in Education, Employment or Training), che erano al

MIBAC, 500 ASSUNZIONI

Per assicurare la tutela e la valorizzazione del paesaggio e del patrimonio storico e artistico e in deroga alle norme vigenti è stato autorizzato un concorso straordinario per l’assunzione a

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento