PIU’ ALTI REDDITI DIPENDENTI

Una famiglia su due in Italia percepiva un reddito netto non superiore a 2.026 euro a fine 2013. L’Istat rileva un reddito medio di 24.310 euro l’anno, più alto al Nord (27.089 euro), mentre al Sud è pari al 75% di quello settentrionale e al Centro al 95%. Risultano più ricche le famiglie con redditi principali da lavoro dipendente (29.527 euro) rispetto a quelle con reddito da lavoro autonomo (28.460 euro) o con pensioni o altri trasferimenti pubblici (19.441 euro).

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

ANCE: PATRIZIA BORINATO NOMINATA NUOVO DIRETTORE GENERALE

Patrizia Borinato Parrello è il nuovo direttore generale dell’Ance. A nominarla oggi all’unanimità è stato il comitato di presidenza dell’associazione dei costruttori edili. Borinato Parrello, anni 58, laureata alla Bocconi

Generazione vincente incontra i giovani NEET della Campania

Si svolge oggi presso la Stazione Marittima di Napoli il Workshop “Mettiti in gioco: i giovani verso il lavoro”, una giornata di colloqui di lavoro, corsi di orientamento e workshop

BOBBA: DATI SERVIZIO CIVILE

“I dati del Servizio civile nazionale sono eloquenti in termini di partecipazione dei volontari: dal 2001 al 2013, quasi 300.000 giovani sono stati avviati, nel 2015 il dato è raddoppiato

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento