SCIOPERO GIUDICI DI PACE

image_pdfimage_print

Da oggi e fino al 30 novembre i giudici di pace sono in sciopero. L’astensione dal lavoro proclamata provocherà lo slittamento di oltre 150 mila processi civile e penali da 6 mesi a un anno e oltre. Numerosi i motivi: il mancato riconoscimento delle tutele previdenziali e assistenziali, del diritto alla salute, del diritto alla pensione. Poi, la  precarietà del rapporto, a tempo determinato e di recente prorogato di 5 mesi. Ancora, il taglio dei compensi. Infine, il mancato riconoscimento di tutte le rivendicazioni nella riforma all’esame del Senato.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

BOERI: SULL'ASSISTENZA SERVE UN INTERVENTO ORGANICO

“Penso che sia importante che si vada su un intervento organico sul tema dell’assistenza”. Lo ha detto il presidente dell’Inps, Tito Boeri, intervenendo ieri sera alla presentazione del calendario della

STAFFETTA GENERAZIONALE

Il ministro Poletti ha ragione, quando propone una forma di staffetta generazionale, rendendo più flessibile l’accesso alla pensione.  La Camera dei Deputati si è già pronunciata due volte sulla materia

Economia: Istat conferma crescita anche su base annua

Dopo la nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza (DEF) da parte del governo, anche l’Istat modifica al rialzo le previsioni di crescita italiane. Secondo le stime dell’Istituto

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento