50,9% DONNE AL LAVORO

image_pdfimage_print

L’occupazione femminile riaggancia i suoi massimi: torna al 50,9%, valore più alto dall’inizio delle serie Istat avviate nel ’93, che era stato toccato solo due volte e mai superato. È quanto emerge da dati elaborati dall’Istituto di Statistica sul secondo trimestre 2015 per la fascia di donne in un’età compresa fra i 20 e i 64 anni. Ma il rialzo è pressochè esclusivamente dovuto alle over-54, su cui ha influito la riforma delle pensioni, che ne ha ritardato l’avvio del trattamento di quiescenza.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

GARANZIA GIOVANI: PRESI IN CARICO, +15,6% IN UNA SETTIMANA

Continua a crescere il numero dei giovani presi in carico e quello dei giovani ai quali è stata offerta un’opportunità concreta tra quelle previste dal programma Garanzia Giovani. Al 14

RICHIESTI MACELLAI

Il mercato del lavoro richiede macellai, perchè c’è carenza di manodopera da parte delle aziende, alla quale non corrisponde la disponibilità di lavoratori con un’idonea preparazione professionale. Non a caso

Confindustria: Italia non è più fanalino di coda, in crescita anche il lavoro

Il rapporto del Centro Studi di Confindustria conferma il trend di crescita economica del nostro Paese e sottolinea come l’Italia non sia più il fanalino di coda europeo, posizione in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento