FUTURO DIPENDENTI PROVINCE

image_pdfimage_print

Arriva la prima mappa del ministero della Pubblica Amministrazione guidata dalla Madia sui dipendenti delle Province, per cui sta partendo il ricollocamento. I dati finora elaborati ne vedono coinvolti oltre 15 mila, di cui 5.575 verranno direttamente assunti dalle Regioni, alle quali sono trasferite alcune funzioni. Un numero leggermente inferiore di dipendenti delle Province sarà preso in carico dall’Agenzia del Lavoro. Per altri 2.889 scatta la pensione. Infine, la mobilità riguarderebbe 1.957 persone.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Firmato il contratto nazionale settore ortofrutticolo ed agrumario

A sei mesi dalla scadenza, finalmente è stato siglato il contratto nazionale per circa 60 mila addetti al settore ortofrutticolo ed agrumario, in prevalenza donne. Il rinnovo entrerà in vigore

RENZI SU ANTICIPO PENSIONISTICO

“L’anticipo pensionistico sta nella legge di Stabilità 2017, stiamo studiando i numeri perchè non si può fare terrorismo. Su questo siamo pronti a incontrare da domani i sindacati dei pensionati”. Lo ha detto

Istat: fatturato industria +0,8%

Ad ottobre l’ Istat ha rilevato che nel settore industriale c’è stato un aumento sia del fatturato (+0,8%), sia degli ordinativi (+0,9%) rispetto al mese precedente. Rispetto a ottobre 2015,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento