TASSE SUL LAVORO

image_pdfimage_print

Il sindacato chiede da anni una riduzione delle tasse sul lavoro. Invece il governo interviene sulla Tasi, quando l’Europa stessa suggerisce all’Italia di ridurre strutturalmente l’imposizione fiscale su imprese e lavoro. Carmelo Barbagallo, segretario Uil, commenta il fatto che in Italia le tasse sull’impresa sono le più alte d’Europa: “Il costo del lavoro è più alto a causa delle tasse e per lo stesso motivo quello che arriva nelle tasche dei nostri lavoratori è più basso rispetto a Francia e Germania”, conclude Barbagallo.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

ISTAT, PIL INIZIO 206 +0,3%, ACCELERARE

Il Pil italiano è previsto crescere dello 0,3% sia nel primo che nel secondo trimestre del 2016, “con un intervallo di confidenza compreso tra +0,1 e +0,5%”. Lo afferma il

CONSULENTI DEL LAVORO: PORTALE SICUREZZA SUL LAVORO

Considerando la necessità di contribuire alla riduzione degli incidenti sui luoghi di lavoro, si legge su Italia Oggi, Fondazione UniversoLavoro in collaborazione con la Fondazione studi Consulenti del lavoro e

Inps a porte aperte: nuove procedure di gara per il settore IT

L’operazione trasparenza annunciata dal presidente Inps, Tito Boeri, continua con il progetto ‘Inps a porte aperte’. La sezione è dedicata a migliorare il rapporto informativo tra Ente e cittadini, e

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento