Tribunale Modena: obbligo per il datore di lavoro di richiedere il certificato del casellario giudiziale – modalità applicative

image_pdfimage_print

Pubblichiamo l’Ordine di servizio emesso dalla Procura della Repubblica, presso il Tribunale di Modena, in ordine al nuovo adempimento documentale – previsto dall’articolo 2 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 39 – a carico dei datori di lavoro che impiegano personale che ha contatti diretti e regolari con minori.

La Procura della Repubblica chiarisce che l’obbligo:

  • sorge solo in caso di instaurazione di un rapporto di lavoro, allorché una delle parti assume la qualità di “datore di lavoro”;
  • sorge solo se il datore di lavoro – può essere tale anche ente o un’associazione che svolge attività di volontariato, seppure in forma organizzata e non occasionale e sporadica – si appresta a stipulare un nuovo contratto di lavoro;
  • non sorge se si tratta di collaborazioni non strutturate all’interno di un definito rapporto di lavoro;
  • non sorge per i rapporti di lavoro già in essere;
  • non grava su enti e associazioni di volontariato quando si avvalgono dell’opera di volontari. In tal caso, infatti, l’attività non può essere ascritta a rapporto di lavoro.

Inoltre, viene specificato che:

  • il datore di lavoro pubblico può procedere all’impiego del lavoratore anche solo mediante acquisizione di dichiarazione del lavoratore, sostitutiva di certificazione circa l’assenza di condanne a suo carico per i reati previsti dal nuovo art. 25-bis;
  • il datore di lavoro privato, in attesa dell’acquisizione del certificato del casellario, puntualmente richiesto, può procedere alla assunzione in base a dichiarazione del lavoratore sostitutiva dell’atto di notorietà, avente il medesimo contenuto della dichiarazione sostitutiva di certificazione.

Infine, l’ordine di servizio termina con le modalità operative:

  • il certificato penale deve essere chiesto direttamente ed esclusivamente dal datore di lavoro. E’ ammessa la presenza di un delegato, munito con la fotocopia documento di identità del delegante;
  • la richiesta deve essere formulata utilizzando esclusivamente il modello previsto al quale va allegata fotocopia del documento di identità dello stesso datore di lavoro;
  • il datore di lavoro deve acquisire il consenso dell’interessato, con compilazione del modello predisposto e allegare fotocopia del proprio documento di identità;
  • il certificato penale viene rilasciato in bollo previa corresponsione dei diritti di cancelleria (7,08 euro in caso di certificato ordinario e 3,54 euro in caso di certificato richiesto con urgenza).i certificati saranno rilasciati, mediamente, dopo 7 giorni dalla richiesta (3 giorni in caso di urgenza).
  • il ritiro del certificato avviene al datore di lavoro o ad un suo delegato. E’ possibile l’invio tramite mezzo postale solo nel caso in cui alla richiesta sia stata allegata busta affrancata, indirizzata e con la dicitura “RISERVATA PERSONALE”.

pdf-icon Scarica l’Ordine di servizio in formato pdf.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 279 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Pubblicata in G.U. la Legge di Stabiltà 2015 : Cosa cambia per lavoro e pensioni [tabella di sintesi]

Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014 la Legge di Stabilità 2015 , contenente “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato”.La legge, che

Trattamenti di integrazione salariale ordinaria [INPS Circ. n. 197/2015]

L’Inps, con la Circolare n. 197/2015 del 2 dicembre,, fornisce le prime indicazioni per l’applicazione delle novità introdotte dal Titolo I del Decreto legislativo n. 148 del 14 settembre 2015 che

Legge di conversione del DL Dignità pubblicata in Gazzetta Ufficiale

Il Parlamento ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 186 dell’11 agosto 2018, la legge n. 96 del 9 agosto 2018, di conversione – con modificazioni – del decreto legge n. 87

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento