Quando si può parlare di concorrenza durante il rapporto di lavoro?

image_pdfimage_print
Si parla di concorrenza durante il rapporto di lavoro quando :
  • il lavoratore svolga un’attività, che sia anche potenzialmente produttiva di danno (Cass., 1° febbraio 2005, n. 1878);
  • si predispongano strumenti concorrenziali, non necessariamente correlati ad un profitto, ma con violazione del patto di fiducia (Cass., 5 aprile 1986, n. 2372);
  • si ponga in essere un’attività preparatoria di una futura impresa, attraverso gli atti iniziali di gestione (Cass., 8 maggio n2006, n. 10450);
  • si svolga, in contemporanea, un’attività anche di natura imprenditoriale con un’azienda concorrente.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Stiamo valutando l’assunzione di una persona italiana che lavora all’etero. Volevamo capire se possiamo godere di una agevolazione contributiva o fiscale in quanto offriamo un lavoro in Italia ad un cittadino italiano che al momento lavoro all’estero.

L’ agevolazione a cui, credo, Lei faccia riferimento è quella relativa al rientro dei c.d. “cervelli” e cioè una agevolazione fiscale prevista sino al 31 dicembre 2015 per favorire il

Per avvalermi di un lavoratore autonomo occasionale, ai sensi dell’art. 2222 cc. Devo stipulare un contratto di lavoro?

Per quanto la normativa non preveda l’obbligo della stipula di un contratto scritto tra le parti, è consigliabile formalizzare (ad probationem) il rapporto di lavoro con un “contratto di prestazione

È possibile stipulare un contratto di apprendistato a part-time? E si può rivedere un contratto di apprendistato a part-time aumentando o diminuendo le ore?

Non si ravvisa, in linea di principio, una incompatibilità tra il rapporto a tempo parziale e il contratto di apprendistato, ove la peculiare articolazione dell’orario non sia di ostacolo al

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento