INPS: mes.2889/2014 – nuovo sistema di gestione del “DURC interno”

image_pdfimage_print

L’Inps, con messaggio n. 2889 del 27 febbraio 2014, informa che è stato innovato il processo di gestione del DURC interno.Queste le caratteristiche del nuovo sistema, operativo dal mese di aprile 2014:La richiesta del DURC interno viene effettuata dall’Istituto, in qualità di ente tenuto a riconoscere i benefici di legge subordinati alla regolarità contributiva e non è più effettuata dal datore di lavoroattraverso la denuncia contributiva relativa al mese in cui sono richiesti i benefici stessi.

Con frequenza mensile (approssimativamente verso il 15 di ogni mese), i sistemi informativi centrali interrogano gli archivi elettronici dell’Istituto per rilevare eventuali situazioni di irregolarità incompatibili con i benefici.
Nell’ipotesi in cui non siano rilevate situazioni di irregolarità, viene immediatamente attivata, all’interno del Cassetto previdenziale, una segnalazione positiva (Semaforo verde), che assume il significato di DURC interno positivo.
Nell’ipotesi in cui vengano rilevate situazioni di irregolarità, si attiva all’interno del Cassetto previdenziale una segnalazione di “allarme temporaneo” (Semaforo giallo) e contemporaneamente viene inviata al datore di lavoro (e a chi lo rappresenta per gli adempimenti previdenziali) una  comunicazione (detta “preavviso di DURC interno negativo”) – mediante posta elettronica certificata (PEC), recante:

–      l’indicazione delle irregolarità riscontrate;

–      l’invito a regolarizzarle entro 15 giorni;

–      l’avvertenza che, decorso inutilmente il termine indicato, verrà generato un  DURC interno negativo.

 Qualora il datore di lavoro regolarizzi la propria posizione o sia accertata l’insussistenza delle irregolarità, i sistemi informativi centrali attivano, all’interno del Cassetto previdenziale, una segnalazione positiva (Semaforo verde), che si sostituisce al precedente segnale di temporaneo allarme e assume il significato di DURC interno positivo.

Qualora, invece, il datore di lavoro non provveda a regolarizzare la propria posizione, i sistemi informativi centrali attivano all’interno del Cassetto previdenziale una segnalazione negativa (Semaforo rosso), che si sostituisce al precedente segnale di temporaneo allarme e assume il significato di DURC interno negativo. Ne consegue che il datore di lavoro, per il mese in relazione al quale è attivato il Semaforo rosso, non può godere dei benefici. Tale esclusione riguarda solo il mese per cui è generato il Semaforo rosso, poiché per il mese successivo i sistemi informativi centrali innescano nuovamente la richiesta di DURC interno e la sequenza delle operazioni descritte.

Se l’irregolarità persiste ovvero ne insorgono di nuove, si attiva la segnalazione di allarme (Semaforo giallo) e viene nuovamente inviato – sempre tramite PEC – il preavviso di DURC interno negativo. Se il datore di lavoro regolarizza, si genera un DURC interno positivo sul nuovo mese considerato.

pdf-icon il messaggi n. 2889/2014 

Fonte : dplmodena.it

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 269 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Dl Poletti : le modifiche del Parlamento agevolano il lavoro tramite agenzia

Somministrazione a tempo senza limiti per l`impresa. II limite massimo di durata di 36 mesi non si applica al contratto di somministrazione a termine per l’utilizzatore, ossia per l’azienda che

Lavoro agile: parte la comunicazione obbligatoria degli accordi

Parte, dal 15 novembre, l’obbligatorietà della comunicazione degli accordi sullo Smart working. Per denunciare l’accordo è obbligatorio utilizzare la piattaforma telematica cliclavoro.gov.it. L’accesso sarà garantito dalla propria identità digitale (Spid,

L’AGCM inserisce Generazione Vincente nell’elenco delle imprese con Rating di Legalità

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), nella sua adunanza del 18 ottobre 2017, ha deliberato di inserire Generazione Vincente S.p.A. nell’Elenco delle imprese con Rating di legalità. Il rating

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento