Il licenziamento o le dimissioni per causa di matrimonio sono nulli ?

image_pdfimage_print

La risposta è positiva e le eventuali dimissioni della lavoratrice sono, parimenti, nulle, se non confermate entro un mese dalla presentazione, avanti ad un funzionario della Direzione territoriale del Lavoro.
La nullità si presume dal momento in cui è stata presentata la richiesta dell’affissione delle pubblicazioni nella sede comunale, in quanto segua matrimonio, fino ad un anno dalla celebrazione dello stesso. Le dimissioni non confermate sono nulle e la lavoratrice può chiedere, in ogni momento, la riammissione al lavoro.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Se un dipendente dovesse andare a lavorare in un’altra azienda dovrebbe dimettersi ed essere assunto dall’altra azienda? Esiste una possibilità di evitare questo iter con una sorta di trasferimento diretto?

Per il caso prospettato, è possibile la cessione del contratto di lavoro, prevista dall’art. 1406 del c.c., che contempla la possibilità delle parti di cedere, ad un terzo, un contratto

Nella domanda per la Naspi, i mesi di disoccupazione sono considerati come contributi figurativi?

  Sì, sono riconosciuti i contributi figurativi. In particolare, la circolare INPS n. 94/2015 stabilisce che per i periodi di fruizione della NASPI sono riconosciuti d’ufficio i contributi figurativi calcolati

Quali sono i termini per impugnare un licenziamento che ritengo illegittimo?

A norma dell’articolo 6 della legge 604/1966 il licenziamento deve essere impugnato a pena di decadenza entro 60 giorni dalla ricezione della sua comunicazione in forma scritta. L’impugnazione è inefficace se non è seguita, entro il

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento