Il licenziamento o le dimissioni per causa di matrimonio sono nulli ?

La risposta è positiva e le eventuali dimissioni della lavoratrice sono, parimenti, nulle, se non confermate entro un mese dalla presentazione, avanti ad un funzionario della Direzione territoriale del Lavoro.
La nullità si presume dal momento in cui è stata presentata la richiesta dell’affissione delle pubblicazioni nella sede comunale, in quanto segua matrimonio, fino ad un anno dalla celebrazione dello stesso. Le dimissioni non confermate sono nulle e la lavoratrice può chiedere, in ogni momento, la riammissione al lavoro.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È possibile recedere da un rapporto di lavoro consensualmente e allo stesso tempo ricevere la NASpI?

Vorrei procedere, con accordo con il lavoratore, ad una risoluzione consensuale ma, al tempo stesso, il lavoratore vorrebbe ricevere la NASPI. So che la cosa è possibile se l’accordo avviene

Qual è la procedura per le dimissioni di una dipendente che si è sposata 6 mesi fa? L’azienda come può essere sicura di aver chiuso il rapporto di lavoro?

La lavoratrice, per definire le sue dimissioni, deve compiere una duplice procedura: quella prevista dall’art. 26 del D.lvo 151/2015 (c.d. dimissioni online) e quella prevista dall’articolo 35, comma 4 del

Ho un’azienda con 21 lavoratori a tempo indeterminato. Dopo la legge 78/2014 devo rispettare la c.d. stabilizzazione in caso di assunzione di apprendisti?

Ad oggi la stabilizzazione legale è prevista esclusivamente nelle aziende che hanno almeno 50 dipendenti. E’ possibile che il ccnl di riferimento preveda una stabilizzazione, per l’assunzione di apprendisti, con

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento