ANZIANI, 3,2 MILIONI LAVORANO

image_pdfimage_print

Molti anziani in Italia ancora lavorano. E non solo per disporre di una quota di reddito aggiuntiva. Sono 3,2 milioni quelli che già lavorano regolarmente o di tanto in tanto. E nei prossimi anni 225 mila si preparano a cercare lavoro e 407 mila proveranno ad avviare un’attività autonoma. È quanto emerge dai dati diffusi alla presentazione del programma “Il buon valore della longevità, promosso dal Censis. La presenza sul mercato lavorativo di un così elevato numero di persone della terza età e’ tra le cause delle difficoltà dei giovani a trovare un’occupazione.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Eurostat: la stima degli inattivi

L’ Eurostat ha stimato che nel 2016 l’esercito che compone i cosiddetti inattivi ammonta a circa 89 milioni di persone, di questi circa 70 milioni non hanno desiderio di trovarlo. Un

SINDACATI: SCIOPERO SCUOLA IL 20 MAGGIO

È stata anticipata al 20 maggio la data dello sciopero annunciato nel corso della manifestazione del 28 aprile in piazza Montecitorio e che coinvolgerà, per l’intera giornata, tutto il personale

ALMAVIVA: BELLANOVA, SALVI 3.000 POSTI

Accordo fatto sulla vertenza Almaviva al ministero dello Sviluppo Economico. Lo annuncia in un tweet la viceministro Teresa Bellanova che scrive: “lo avevo detto dalla prima trattativa che non avremmo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento