LICENZIAMENTO, E DOPO?

image_pdfimage_print

La questione non è la possibilità o meno di licenziare più o meno facilmente e nemmeno la tipologia della sanzione in caso di licenziamento illegittimo. La riforma del mercato del lavoro si muove attorno a un principio diverso, ciò che accade nel momento in cui il lavoratore perde il posto. “A fronte di ciò, il problema vero e’ il recupero dell’occupazione e della professionalità” chiarisce Francesco Rotondi, giuslavorista, che sta studiando tutti gli effetti del Jobs act. Per Rotondi, “il problema, semmai, può essere in un utilizzo improprio, e in alcuni casi anche fraudolento, del bonus di 8 mila euro l’anno previsto a sostegno del nuovo contratto a tutele crescenti”.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

FERROVIE DELLO STATO SELEZIONANO NEOLAUREATI IN INGEGNERIA

Le Ferrovie dello Stato offrono lavoro a candidati laureati in Ingegneria Elettrica, Meccanica, Elettronica o delle Telecomunicazioni; la laurea deve essere stata conseguita con un voto non inferiore a 100/110.

Offerta di lavoro – India | AFC – Responsabile amministrazione finanza e controllo

Generazione Vincente S.p.A. | agenzia per il lavoro Per azienda manifatturiera operante nella lavorazione dell’acciaio, con sedi in Italia (regione Veneto e Lombardia, Headquarter Padova) e altre sedi /aziende del

POVERTÀ: SÌ CAMERA A REDDITO INCLUSIONE

La Camera ha approvato un emendamento del Pd al ddl di contrasto alla povertà che prevede un “l’introduzione di una misura nazionale di contrasto della povertà”, denominata “reddito di inclusione”.  A

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento