INTEGRATIVO IKEA

image_pdfimage_print

Il risultato del referendum dei lavoratori di Ikea, che ha visto il 73% dei votanti dire sì all’accordo, porta alla sottoscrizione con il sindacato di un nuovo contratto integrativo aziendale tra i più avanzati in Italia. Sia sui temi della conciliazione tra lavoro e vita privata, che sui temi del welfare aziendale, oltre a miglioramenti del potere d’acquisto e a nuovi istituti a supporto di inclusione, diversità e malattie croniche. Il gigante svedese noto nel mondo è ormai una presenza consolidata da ben 26 anni di permanenza nel nostro Paese.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

15 MILA TIROCINI NELLA UE

Boom di iscrizioni a Erasmus+ Vet, il programma di tirocinio in Europa, promosso dall’Isfol. Il secondo bando ha visto un incremento delle candidature di oltre il 15% rispetto al suo

SINDACATI: RINNOVATO CONTRATTO FIORI RECISI

“Il 22 giugno è stato firmato unitariamente con Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, il rinnovo del contratto nazionale di lavoro dei fiori recisi, scaduto il 31 dicembre 2015”. Ne dà

Welfare aziendale: Pmi sempre più coinvolte

Da una ricerca della Doxa-Edenred 2016 sullo stato del welfare aziendale in Italia arrivano buone notizie: il welfare aziendale non è più appannaggio esclusivo delle grandi aziende sopra i 250

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento