60 MILA INFERMIERI

image_pdfimage_print

In Italia mancano 60 mila infermieri. La carenza di personale infermieristico è la ragione per la quale l’Italia rischia una nuova procedura di infrazione da parte dell’Unione Europea sul giusto orario di lavoro.  La direttiva Ue prevede, infatti, il rispetto delle 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore e di non poter superare le 48 settimanali. I sindacati sollecitano l’immediato sblocco del turnover e l’assunzione del numero di infermieri necessario a raggiungere il livello minimo di assistenza sanitaria nei confronti dei cittadini. Peraltro, oggi, ci sono nel settore 40 mila laureati disoccupati.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

MCDONALD’S ASSUME A RHO

McDonald’s apre un nuovo ristorante a Rho (Milano) e cerca 20 persone. Sono aperte le selezioni online per individuare i candidati che parteciperanno al McItalia Job Tour, l’evento itinerante di

ITALIA, 3,3 MILIONI DI SFIDUCIATI

In Italia oltre a 3 milioni e 100 mila disoccupati vi sono 3 milioni e 300 mila persone che non cercano impiego, pur dicendosi disponibili a lavorare. La percentuale di

Pensioni di reversibilità: chiarimenti dell'Inps

L’Inps con un comunicato ha fatto chiarimento su alcune notizie di stampa diffuse in questi giorni riguardo i redditi da dichiarare per il calcolo delle pensioni di reversibilità, precisando che

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento