USA, POCKETS OF WORKERS

image_pdfimage_print

Bisogna mettere soldi nelle tasche dei lavoratori. La frase usata dal presidente americano Obama al vertice dei paesi più industrializzati in Turchia fa fare un sussulto  alla delegazione italiana, che ha prontamente commentato “sembra un discorso scritto da Padoan e da Renzi”. La mente è subito corsa  alle misure già adottate dal nostro governo, prima tra tutte la restituzione degli 80 euro. Obama ha insistito molto sulla necessità di politiche attive per il lavoro e di misure destinate allo sviluppo.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

BES SU LAVORO

Il mondo del lavoro mostra segnali di ripresa ma rimangono divari di genere e l’esclusione dei giovani. È la fotografia scattata dal rapporto Bes. Nel 2014 emersi i primi segnali

ANAS TORNA AD ASSUMERE

Anas torna ad assumere. Il Piano industriale 2016-2020, presentato oggi agli operatori economici, prevede 1.000 assunzioni: nello specifico, si tratta di 900 risorse aggiuntive sul personale di servizio e 100

OLTRE 286 MILA CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO

Nei primi sette mesi dell’anno i contratti a tempo indeterminato sono cresciuti in Italia di  286.126 unità. L’incremento delle assunzioni risulta superiore alla media nazionale (+35,4%) in Friuli-Venezia Giulia (+85,3%), in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento