LAVORATORI AZIENDE CONFISCATE

image_pdfimage_print

Anche oggi un centinaio di dipendenti di due società sequestrate che operano al porto di Palermo ha protestato davanti alla sezione Misure di prevenzione del Tribunale. Le aziende furono commissariate tre anni fa e affidate all’amministratore giudiziario. I lavoratori, soci delle coop, chiedono di salvare le aziende dal fallimento, in quanto il patrimonio, costruito negli anni, durante la gestione commissariale si è svuotato. Non è la prima volta che succede in tutt’Italia con le aziende sequestrate alle mafie.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CORTE DEI CONTI EUROPEA: STAGE AL VIA

A partire dal 2016, la Corte dei conti europea Organizzare tre sessioni all’anno di tirocini in diversi settori di interesse per il suo lavoro. I Tirocini sono di 3, 4 o

CREDEM SELEZIONA DIVERSE POSIZIONI

Il gruppo Credem ha un programma assunzionale che è partito lo scorso settembre, col quale sono state previste 100 nuove assunzioni le quali sono state aumentate di 50 ulteriori unità di personale. Le assunzioni sono

Regione Campania, Palmeri: approvato piano pari opportunità “Lavoro al femminile”

La Giunta Regionale della Campania ha ratificato il piano triennale che ha come obiettivo il rispetto e l’attenzione delle pari opportunità nel mondo del lavoro. Si tratta di una programmazione

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento