LAVORI VERDI

image_pdfimage_print

I Paesi mediterranei potrebbero creare migliaia di posti di lavoro, rendendo verdi le economie e sviluppando un turismo più sostenibile. Ciò che serve è accelerare la transizione energetica già in atto, puntando con convinzione su fonti rinnovabili ed efficienza energetica. Lo rivelano studi commissionati da Greenpeace, che dimostrano, dati alla mano, come i Paesi mediterranei abbiano una tale abbondanza di sole e vento da rendere le fonti rinnovabili e l’efficienza energetica una scelta razionalmente obbligata.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

DUCATI SELEZIONA PER STAGE E ASSUNZIONI

Ducati, marchio italiano è tra i maggiori nel panorama motociclistico mondiale, attualmente offre opportunità di Tirocinio R&D Global Sourcing e per Ingegnere Di Sviluppo Motore. Per presentare le proprie candidature

Startup contro la disoccupazione, il governo stanzia 30 milioni di euro

“Secondo il terzo report trimestrale sulle Startup di Unioncamere e Mise ci sono in Italia 9647 startup innovative di cui il 71,8% fornisce servizi alle imprese, il 18,7% opera nel

POLETTI SU PIANO CONTRASTO ALLA POVERTÀ

“È noto che le cause della povertà possono essere diverse e sono, frequentemente, originate da condizioni sia economiche che sociali o personali differenti. Per questo, è importante intervenire sulle cause

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento