LAVORI VERDI

image_pdfimage_print

I Paesi mediterranei potrebbero creare migliaia di posti di lavoro, rendendo verdi le economie e sviluppando un turismo più sostenibile. Ciò che serve è accelerare la transizione energetica già in atto, puntando con convinzione su fonti rinnovabili ed efficienza energetica. Lo rivelano studi commissionati da Greenpeace, che dimostrano, dati alla mano, come i Paesi mediterranei abbiano una tale abbondanza di sole e vento da rendere le fonti rinnovabili e l’efficienza energetica una scelta razionalmente obbligata.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

RIFORMA DIRIGENZA PUBBLICA: APPROVATI 4 DECRETI

Il Consiglio dei ministri ha approvato 4 decreti sulla della riforma della pa in via preliminare tra questi quello “sulla dirigenza pubblica, sugli enti di ricerca e sul comitato paralimpico”.

Il licenziamento è valido anche via Whatsapp

Il licenziamento di un lavoratore può essere valido anche se notificato via Whatsapp, a stabilirlo è il Tribunale civile di Catania che ha ritenuto il licenziamento- “intimato sul social network

MIROGLIO, SALVI 50 LAVORATORI

La cessione della ex Miroglio nell’area barese alla Logistic Trade prevede, subito, l’assunzione di 50 lavoratori. ma l’obiettivo è incrementare ulteriormente l’occupazione in una seconda fase del progetto. All’accordo si

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento